Questo post è disponibile anche in: greco (greco)

STORIA DI SKOPELOS

Famosa per il suo vino afrodisiaco - saccheggiato dai pirati - sede di campioni olimpici - Skopelos ha una storia che risale a più di diciotto secoli. I legami di Skopelos con l'uva nobile sono emersi proprio all'alba dell'isola. Fu abitato per la prima volta nel Paleolitico, secondo i risultati sulla vicina isola di Alonissos. Fu chiamato per la prima volta Peparithos, in onore del figlio di Dioniso (che è il dio del vino) e di Arianna, che fu il mitico primo abitante dell'isola.

I primi veri resti trovati su Skopelos stesso risalgono tuttavia all'inizio e alla metà del periodo micenea durante il XVI-XIV secolo a.C. Questi resti sono stati trovati sul promontorio che separa Stafylos e Velanio spiagge negli anni '1950 e si ritiene che sia la tomba del principe noto come Stafylos (stafylia significa uva!). Era una tomba ricca di tesori e manufatti e il suo oggetto principale è la famosa spada d'oro del principe che è ora esposta nel Museo Archeologico di Atene.

Vino di Skopelos

Nonostante questi inizi reali, Skopelos non prosperò fino a molti secoli dopo, quando il suo famoso vino divenne noto per i suoi effetti afrodisiaci, che insieme al suo sapore unico, furono citati da luminari come Aristotele, il famoso filosofo! Il vino, che doveva essere invecchiato per 7 anni, era presumibilmente anche piuttosto forte. Aristotele (anche se come personaggio di un'opera teatrale) ha detto che “tre ciotole devo mescolare per il temperato: una per la salute, che svuotano per prima, la seconda per amare e piacere, la terza per dormire. Quando questa ciotola viene bevuta, i saggi vanno a casa. La quarta ciotola non è più nostra, ma appartiene alla violenza; il quinto a tumulto, il sesto a baldoria ubriaco, il settimo a occhi neri, l'ottavo è il poliziotto, il nono appartiene alla bizzarria e il decimo alla follia e scagliando i mobili ”

Commercio

Il vino non era l'unica merce commercializzata in quel momento, Skopelos era anche rinomata per il suo meraviglioso olio d'oliva, che fu anche portato in tutto l'Egeo e forse più lontano. Il relitto di una barca insolitamente grande, che misura 85 x 35 piedi, fu trovato circa 20 anni fa al largo della costa di Alonissos, che si ritiene risalga al 400 a.C. Aveva appena preso carico da Skopelos e trasportava centinaia di barattoli di vino ma forse anche olio.

Questa scoperta ha cambiato l'opinione di molti storici che non si erano nemmeno resi conto che in quel periodo esistessero barche di tali dimensioni e che quindi collocano Skopelos come un punto importante nelle rotte commerciali di quel tempo. Era anche vero che l'isola aveva coniato a lungo il proprio conio, il che dimostra che aveva anche potere economico.

Agnontas il campione olimpico

Il talento sportivo aveva anche reso famosa Skopelos come corridore di lunga distanza e campione olimpico Agnondas era uno Skopeliti e al suo ritorno trionfale sull'isola era così famoso (forse nel vino locale!) che hanno chiamato il porto in cui è atterrato dopo di lui, e conserva il suo nome fino a oggi quando molti visitatori sbarcano nel porto riparato . Il cristianesimo alla fine raggiunse le coste dell'isola nel II o III secolo d.C. dopo che l'apostolo Paolo prese il potere ad Atene e l'evangelista Luca predicò a Thiva.

Il primo vescovo dell'isola (che divenne un martire e da cui prendono il nome molti Skopeliti) St Riginos (Rigas) è leggendario per aver ucciso un drago tra Stafylos e Agnondas intorno a 347 d.C. e quando colpì il colpo finale, la terra fu divisa in due, formando il profondo divario sismico che è ancora lì oggi dove c'è anche una cappella con un'icona del santo e una fiamma eterna.

Incursioni dei pirati

Sembra che l'era d'oro di Skopelos si sia conclusa poco dopo, e nell'era bizantina le incursioni dei pirati, che sembravano fare irruzione o usare l'isola come base a piacimento, hanno preso il pedaggio sull'economia e la significativa costruzione si è prosciugata su. Inoltre fu usato come luogo di esilio, una tradizione che durò molti secoli e, sorprendentemente, la popolazione locale diminuì in numero lasciando un'isola che si era ridotta dalla sua precedente ricchezza e posizione per diventare un luogo senza legge e distante.

Ci voleva un "super pirata" per cambiare la situazione. Marco Sanudo, veneziano (anche duca di Naxos), conquistò l'isola nel 1207 subito dopo la caduta di Costantinopoli e la usò come base per saccheggiare la terraferma, Evvia e praticamente ovunque nel raggio. Senza dubbio questo non migliorò notevolmente le cose per la Skopelitis, ma almeno ebbe un certo grado di stabilità, in effetti per poco meno di 70 anni, fino a quando l'imperatore bizantino Michele Paleologo (e il suo ammiraglio Alexios Filanthropinos) conquistarono l'isola e il rimanente impoverito gli isolani tornano.

1453 AC

Le cose andarono male, ma incredibilmente furono messe a peggiorare con la caduta finale di Costantinopoli nel 1453 che portò le tre isole delle Sporadi settentrionali a votare a favore di un dominio veneziano (di nuovo) per evitare l'occupazione da parte dei turchi. Questa non è stata probabilmente la migliore decisione che gli isolani abbiano mai preso! Le isole furono fatte un episcopato separato con Skopelos, avendo la più alta popolazione, diventando la base ma ciò significava che la guerra tra veneziani e turchi (impero ottomano) le fece oscillare avanti e indietro tra le due potenze.

Questo alla fine portò al più grande disastro nella storia delle Sporadi quando il pirata algerino Heiderin Barbarossa entrò nel porto. Molte persone credono che gli ottomani gli abbiano chiesto di porre fine al conflitto e lo hanno fatto nel modo più efficiente massacrando o schiavizzando l'intera popolazione delle tre isole! Quei pochi che sopravvissero nascondendosi nelle montagne rimasero, ma l'occupazione turca dimostrò, dopo la violenta introduzione, di essere benigna e Skopelos iniziò la via della ripresa.

I turchi in realtà non occuparono mai le isole e mentre ripopolarono con gente della terraferma, Evvia e Asia minore, l'aristocrazia locale arrivò a un accordo amichevole con i loro sovrani ottomani, fornendo loro un po 'd'oro e marinai per la loro flotta, furono dato i privilegi e permesso di andare avanti con la ricostruzione della ricchezza dell'isola.

Tradizione velica

La tradizione della vela ha permesso lo sviluppo di una grande flotta commerciale che ha permesso a Skopelos di riconquistare il suo antico splendore. Naturalmente, la posizione centrale nel Mar Egeo era cruciale. Il terreno fertile e l'approvvigionamento idrico relativamente buono hanno anche permesso il risveglio agricolo e olive e olio, mandorle, resina di pino, prugne e ovviamente vino, ma non nella sua precedente qualità, hanno costituito la base della ricchezza locale. La forza di questo straordinario recupero può essere vista dal fatto che nel 18 ° secolo c'erano consoli provenienti da Inghilterra, Francia e Venezia con base a Skopelos, il che significava che era considerata una base più importante di molte grandi città continentali che non lo fecero avere una tale rappresentazione.

1821 AC

Questo periodo di dominio a distanza da parte degli Ottomani terminò con lo scoppio della rivoluzione nel 1821. Quando Skopelos sostenne attivamente i leader della ribellione con navi da guerra e navi da carico. Hanno preso parte a molte delle battaglie di questo conflitto, che alla fine ha avuto successo. Infine nel 1831 l'isola divenne ufficialmente parte della nuova nazione greca. Così, Skopelos si è trasferita nel regno della storia moderna lasciandosi alle spalle il suo lungo passato di tragedia e trionfo.